Nicola Morali Nicola Morali - musica per pianoforte - music for piano - spartiti - audio straming Nicola Morali
Home Biografia Musica Video Spartiti - Sheet music Fotografie blog contatto
Categoria: Generale
scritto da: nicola
Una notizia di oggi sbattuta in prima pagina riguardante la possibile pesante tassazione degli smartphone e di altri supporti digitali, su pressione della Siae, mi spinge ad una serie di considerazioni riguardanti l'uso e consumo della musica ai nostri tempi. Certo, la proposta pare sia stata bloccata, magari verrà ridimensionata e non vale neanche la pena che io la riporti, ma rimane determinante un discorso di fondo: chi detiene il compito della riscossione dei diritti d'autore ai giorni nostri è obbligato ad arrampicarsi sugli specchi per cercare di raccogliere qualche briciola di ciò che sarebbe giusto fosse poi ripartito agli autori o comunque rispettivi proprietari delle registrazioni musicali. Non difendo la Siae e la sua organizzazione, che sicuramente abbonda di esubero di personale come in ogni italica società di vecchia fondazione che trascina ai giorni nostri il suo essere fuori dal tempo, che sicuramente ha mille torti e non è equa nella gestione dei diritti, ma è tutto un discorso a parte, ricco di accese polemiche, soprattutto per i costi spropositati imposti per la musica dal vivo.
Sembra ieri che eravamo a polemizzare sulla tassa sui supporti come cd o dvd vergini, che questi ormai sono in disuso e spesso mai usati dagli under 20 che ormai operano solo con smartphone e tablet, il supporto fisico è un vecchio optional, ed è quindi ovvio che il target su cui focalizzarsi per la riscossione dei diritti siano loro, essendo in genere come età i maggiori fruitori di musica, nonché i possessori "tipo" di smartphone. Certamente, in misura diversa siamo o siamo stati tutti "pirati". Chi non ha in casa musicassette o cd copiati? Chi più, chi meno, in un modo o nell'altro abbiamo contribuito alla triste crisi di questo sistema, ed è giusto pagarne ora le conseguenze.
Insomma, nulla di particolare di cui stupirsi, la cosa in generale e triste a mio avviso è che ormai l'accesso alla musica, non più vissuto nei canoni dell'alta fedeltà che venivano valorizzati negli anni '70 e '80, è troppo semplice, al punto dall'essere considerato quasi scontato. Se vuoi sentire una canzone, la trovi subito su YouTube, pazienza se eventualmente devi sorbirti qualche secondo di pubblicità, tanto al limite la puoi scaricare dopo con i plug-in di chrome o firefox. Se proprio non ti basta, vai su Spotify o Grooveshark, senti quello che ti pare gratis, e anche lì i plug-in per catturare quello che vuoi non mancano. Insomma, è davvero giusto tutto questo? Youtube ha già troppa pubblicità (qui in Italia) ed è un discorso a parte, essendo poi il maggior veicolo di promozione musicale, ma per gli altri servizi di streaming devo dire che non mi sembra giusto che l'utente abbia grossa scelta, e la pubblicità sia praticamente nulla. Sarei davvero disposto ad avere maggiore pubblicità, soprattutto negli account gratuiti, per andare ad aiutare la causa degli autori e -forse- ad evitare che periodicamente salti fuori la Siae con le sue proposte di tasse assurde sui supporti, anche se sicuramente, ed è anche il mio caso, uso più lo smartphone per memorizzare le mie foto e non delle canzoni scaricate, e potrei giustamente scaldarmi se qualcuno volesse tassarmi per un "presunto" uso del mio apparecchio.
Categoria: Generale
scritto da: nicola
Se non si trattasse di un brano capolavoro che continua ad emozionarmi dopo molti anni, sia ascoltandolo che suonandolo, non penso che avrei accettato volentieri di trascriverlo e arrangiarlo integralmente. Come al solito, lo spunto è venuto da una gradita richiesta, e come quasi sempre mi capita, la difficoltà è stata superiore alle mie aspettative. Non mi sono voluto basare sulle trascrizioni degli altri “colleghi” su YouTube (sempre troppo semplificate per i miei gusti, e comunque non trascritte su carta), per cui ho voluto creare la versione più fedele possibile, che contiene tutte le sfumature e le note dei due musicisti che l'hanno concepita. Poi ovviamente suonandola la si potrà personalizzare, io comunque l'ho sempre eseguita in stile “Real Book”, quindi con una certa libertà, pur seguendo il più possibile il magnifico assolo di piano nella parte centrale, e concedendomi più libertà nell'interludio e nella coda (come del resto fecero anche loro nei Live), ma nel momento in cui mi sono trovato a riscriverlo mi sono ovviamente accorto di molte sfumature che prima non avevo considerato, di cui si può ovviamente fare tesoro, ritengo comunque che suonare esattamente l'interludio e l'outro come sono scritte può rendere il brano un po' troppo “meccanico”, come capita sempre quando si vuole eseguire fedelmente una parte in origine improvvisata.

September 15th Pat Metheny & Lyle Mays, Piano solo Sheet Music transcription and arrangement by Nicola Morali

» Leggi tutto

Categoria: ascolti
scritto da: nicola

Non mi ritengo uno di quei feticisti dell'analogico e del giradischi in generale, né tantomeno un audiofilo alla ricerca di chissà quale suono, e per nulla uno di quelli che spendono una fortuna in strumenti di riproduzione che il più delle volte non valgono proprio quanto costano, sono invece da sempre un appassionato ascoltatore che ama sentire la musica in modo più che discreto senza spendere una fortuna. Anzi, ho impiegato anni per capire che la riproduzione su vinile può essere fonte di grande soddisfazione e non solo una lotta con puntine, dischi sporchi o mal fabbricati o ammuffiti come pensavo quando ero adolescente, quando l'ascolto su lp era praticamente cosa obbligata.
Ho capito che un più che discreto giradischi Technics a trazione diretta (che ora possiedo), unito a qualche decente testina e relativa puntina, vuol già dire un enorme passo avanti rispetto a come ero abitato a sentire i dischi in precedenza. Non serve dunque comperare giradischi esoterici come un Gyrodec, Mitchell o i modelli di punta della Pro-ject o Denon, per quanto siano bellissimi anche solo da vedere.
Sembra quasi che non esistano mezze misure, la gran parte dei miei colleghi musicisti non ha un impianto decente con cui ascoltare musica (che poi in genere è sempre scaricata e quasi mai comperata), e chi invece spende centinaia di euro per impianti di alto livello alla fine della sostanza della musica sembra interessi ben poco, parlano solo di testine, bracci, basi di appoggio speciali su cui sistemare il giradischi, e tutta roba costosissima si intende! No, in quanto musicista non mi sento pienamente parte di questo mondo di audiofili che cercano continuamente un suono ma che non troveranno mai la piena soddisfazione proprio perché la smania di cambiare e acquistare senza sosta li possiede, io invece (ma penso sia così per la maggior parte dei fruitori vecchi e nuovi del vinile) mi ritengo soddisfatto nella ricerca di un compromesso soddisfacente, senza spendere cifre folli e piuttosto allargare la collezione di dischi il più possibile, fermo restando che poi per quanto mi riguarda il suono che più mi coinvolge deve uscire dalle cuffie, essendo il mio "output" audio più usato, per cui tutto il discorso legato invece alla resa sonora sugli altoparlanti mi interessa relativamente, e di conseguenza tutto il discorso legato alla risonanza e alla preferenza di determinati materiali della catena hi-fi per me diventa secondario.

» Leggi tutto

Categoria: Varie
scritto da: nicola

Questo post è dedicato soprattutto ai tastieristi che hanno iniziato a suonare negli anni 80, e che inevitabilmente si sono trovati a desiderare di possedere uno strumento che all'epoca non era di certo per tutte le tasche, e che ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica pop e rock. Chi ha iniziato a suonare successivamente o chi lo fa ora ha a disposizione molto di più, e soprattutto in modo facilmente accessibile grazie ai synth virtuali o a strumenti fisici di gran lunga più evoluti du quello di cui si sta parlando. Nel caso del DX7, si parla dell'inizio di un'epoca nuova, il momento del passaggio dalle tastiere analogiche a quelle completamente digitali, di cui Il DX7 rappresenta lo spartiacque per eccellenza, e tra l'altro si parla di uno strumento assai sofisticato per l'epoca, anche dal punto di vista del design.
Non è certo che quel sound sia tuttora apprezzato, l'amore attuale per il vintage predilige strumenti e suoni in qualche modo antecedenti a questo strumento, ma sta di fatto che siano passati 30 anni precisi dalla sua presentazione ed è un buon pretesto per parlarne. All'epoca era anche per me un oggetto del desiderio inarrivabile, ed infatti non l'ho mai posseduto o suonato, ma qualche anno dopo (nel 1988)  mi sono potuto permettere l'acquisto di un DX7 II FD, che conservo tuttora e di cui soprattutto apprezzo la qualità di fattura della tastiera, ben diversa dallo standard dei synth attuali, sarà forse perché all'epoca erano tutte "made in japan" e decisamente più curate e non particolarmente economiche ed ora solo "made in china"? Possibile...
Comunque la si pensi, ho trovato nel mio archivio la brochure originale di presentazione del DX7, ha sicuramente un sapore vintage, mi pare che non sia mai stata diffusa in rete e quindi ho pensato per l'occasione di farlo io per celebrare questo trentennale.



Categoria: Generale
scritto da: nicola
Con la diffusione sempre maggiore dei tablet è cambiata anche la fruizione dei documenti, perché i pdf bisogna scaricarli e spesso si preferirebbe avere un'anteprima o la possibilità di muoversi agilmente tra più documenti senza la necessità di dover attendere per scaricarli sul proprio pc, tablet o cellulare. Se è anche vero che alcune persone leggono libri sul cellulare (!) nel mio caso specifico, essendo un publisher di spartiti, la condivisione del mio lavoro ha probabilmente come scopo ultimo la stampa su carta, dal momento che per metterlo in pratica e studiarlo uno spartito difficilmente si scorre su un monitor, ma dato che le cose cambiano in fretta, non è neanche così scontato, non è escluso che sempre più tablet vengano usati al posto delle partiture, tra l'altro eliminando in un colpo il problema del vento ed eliminando le antiestetiche mollette per fissare i fogli di carta!
A parte gli scherzi, come avrete notato già da un po' di tempo mi piace condividere in maniera veloce i miei lavori tramite Scribd, che effettivamente risulta la più ampia libreria disponibile on-line in termini di pubblicazioni, anche tra le più utilizzate per gli spartiti musicali, ma soffre di una serie di difetti non di poco conto: innanzitutto la conversione degli spartiti è spesso difettosa, mi sono trovato a dover per forza convertire le singole pagine in bitmap, quindi in pdf, e poi caricarle su questo servizio, per poter avere una conversione un minimo soddisfacente, ma negli ultimi casi anche con questi passaggi l'operazione non è andata a buon fine, sono rimasti dei difetti di visualizzazione poco piacevoli. Mi sembra che in generale Scribd sia più votato ai più semplici contenuti testuali, ebook in senso tradizionale insomma, e non a cose leggermente più complesse come un pentagramma. Ho quindi deciso di testare anche Issuu, forse meno noto ma particolarmente adatto alla condivisione di magazines e documenti più complessi, con una interfaccia accattivante, la possibilità di poter sfogliare il proprio libro in orizzontale e non in verticale come Scribd, e soprattutto senza difetti! Pochi sono ancora sgli spartiti presenti, ma tanto per capirci, la visualizzazione è di questo genere: piccola anteprima, ma cliccando su expand lo spartito si vede a tutto schermo e si consulta che è un piacere. Per chi ha un Mac per semplicità è sempre consigliato Chrome in quanto serve il Flash Player, per l'Ipad dovrebbe convertirsi in HTML5 in modo automatico.

Personalmente ho scoperto questo servizio in passato consultando i volantini della Comet, ora mi sento di consigliarlo caldamente anche a chi desidera condividere i propri spartiti (ovviamente, scritti in proprio e non condivisi illegalmente).
Un ulteriore servizio di questo genere, tra l'altro anche localizzato in Italiano, si chiama Calameo e lo testerò quanto prima facendo un mirror dei miei contenuti, tra le altre cose è l'unico per ora che prevede direttamente gli spartiti nelle sue categorie di documenti. Tutti e tre questi servizi prevedono l'accesso diretto da Facebook disponendo di un account su questo social network, diversamente bisogna registrarsi per caricare contenuti o scaricare i pdf originali dei contenuti che si desidera salvare.
La mia pagina su Issuu si trova al link: http://issuu.com/nicmor
Categoria: Generale
scritto da: nicola
Devo dire che questo pezzo per piano, tema musicale trainante dell'omonimo film di Dario Argento del 1980, vedendo quanti sono i vari performers su YouTube che la suonano (più o meno bene), è in effetti una delle colonne sonore più longeve in termini di popolarità, non so se solo tra quelli che erano adolescenti all'epoca ed erano appassionati di horror (binomio a dire il vero spesso scontato), oppure anche tra gli amanti e nostalgici del progressive di cui Emerson è stato uno degli esponenti più illustri. In questo tema Keith Emerson condensa soprattutto tante influenze classiche e tanti riferimenti in particolare a Mussorgsky e Prokofiev, nella parte centrale. Trascrizione che mi è stata richiesta più volte nel corso degli anni, l'ho realizzata nel corso di questo ultimo mese e deciso di renderla disponibile al momento attraverso la piattaforma scribd. Inferno (Main Titles) - Keith Emerson - solo piano transcription - spartito sheet music by Nicola Morali
Categoria: Generale
scritto da: nicola
Aziza Mustafa Zadeh - Strange MoodAvevo detto tempo fa che mi sarebbe piaciuto trascrivere almeno un brano di Aziza all'anno, ma se nel 2011 non ci sono riuscito per questioni di tempo, anche se ho ricevuto come sempre tante richieste di trascrizioni del suo repertorio, in questo scorcio di fine agosto ho deciso di accettare una richiesta da parte di un pianista Iraniano, e quindi di dedicarmi a questa bellissima "Strange Mood" tratta dall'album "Shamans" del 2002, così da colmare almeno per il 2012 il mio debito-tributo verso questa grande pianista compositrice che sono onorato di poter diffondere tra i tanti colleghi pianisti che mi seguono e che a lei sono molto interessati. L'audio di questo brano lo potete sentire al link: http://grooveshark.com/#!/s/Strange+Mood/1S3OeA?src=5
Tecnicamente parlando, la trascrizione di un brano con un tempo così "rubato" come questo mi ha creato qualche problema di impianto generale, per non parlare della decifrazione delle battute veloci della parte centrale, inoltre ho deciso di utilizzare molte "corone" su diverse note, che potrete capire ascoltando la versione originale del pezzo, senza necessariamente intervenire sull'impostazione ritmica generale del 4/4.
Il brano è molto bello, pur discostandosi dai tratti musicali jazzistici e di ispirazione orientale che rendono più distinguibile e caratteristica la musica di Aziza. Qui, a parte qualche accordo che richiama vagamente la contemporaneità Jazz, si respira molto di più Chopin anche nell'alternarsi dei momenti particolarmente espressivi del primo tema contrapposto poi all'episodio centrale infuocato nello stile tipico del pianismo romantico.
Categoria: Pensieri
scritto da: nicola
Chi mi segue su questo sito ascolta prevalentemente le musiche pianistiche che vi pubblico, chi mi vede in concerto o su YouTube sa che per ragioni pratiche anche le musiche prettamente pianistiche sono obbligato a suonarle sul mio Yamaha P-90, talvolta dal vivo anche con l'ausilio del Laptop di cui sfrutto i campionamenti di pianoforte che preferisco e che reputo migliori di quelli inclusi nello stage piano Yamaha, ma il vero problema rimane quello del feeling con lo strumento, che fatico davvero a raggiungere. Il perché deriva da una serie di fattori, da come percepisco il suono, da come risponde la tastiera in rapporto al volume che ne scaturisce (cosa che non è mai equilibrata), dal fatto che la tastiera oscilla, al contrario dello strumento vero, quando è appoggiata sul supporto metallico. Questo purtroppo dipende anche dal mio modello di stage piano che non dispone di un mobile che ne garantisca almeno la stabilità, ed è davvero odioso vedere oscillare la tastiera quando si eseguono certi passaggi. Possono sembrare sciocchezze, ma obbiettivamente la qualità di quello che riesco a fare sul piano elettrico è di gran lunga inferiore, anche come inventiva, pura ispirazione, rispetto alla moltitudine di idee che scaturiscono sul mio piano a mezza-coda.
È in generale il problema che affligge da sempre il pianista, tanto più quando un pianista (o generalmente tastierista che deve coprire una certa gamma di suoni) deve necessariamente essere versatile e non può di certo pretendere il pianoforte a coda ovunque vada, cosa che non è sempre l'opzione migliore, dato che nella mia esperienza mi sono capitati molto spesso pianoforti malmessi o male accordati. Oltre a tutto questo, con l'attuale politica del taglio dei costi, gli organizzatori di concerti cercano sempre di evitare il noleggio del pianoforte, a meno che non si tratti di rassegne prettamente di musica classica. Facile comprendere quindi l'apparente vezzo di molti pianisti, per l'appunto classici, che andavano in tournèe con il proprio pianoforte, per ricreare sul palcoscenico le condizioni ideali, o alcuni che chiedevano, in certi casi, uno Steinway nuovo di fabbrica come condizione necessaria per la propria esibizione. Ma è proprio così, credetemi: quando passi tante ore con il tuo strumento, si crea qualcosa di particolare, e il feeling tra un musicista e il proprio strumento raggiunge questi livelli particolari solo quando si parla di strumenti acustici, perché in fondo ogni strumento acustico, costruito artigianalmente, seppure in serie, ha qualcosa che lo contraddistingue da ogni altro, e non c'è niente di meglio che avere il vantaggio di poter fare un concerto con il proprio strumento.
Insomma, diciamolo in modo chiaro, tutti gli altri strumentisti riescono sempre a suonare il proprio strumento ovunque, il pianista no! Questo anche per ribadire anche, se ce ne fosse bisogno, che nessun strumento elettronico può arrivare ai livelli di un vero pianoforte. La cosa, a qualsiasi chitarrista, bassista, saxofonista (e potremmo nominare ogni strumento facilmente trasportabile) può sembrare banale, ma per quanto riguarda il pianista, possiamo affermare che suona probabilmente lo strumento più bello del mondo, ma anche il più sfortunato, proprio per questo "piccolo" particolare.
Categoria: Generale
scritto da: nicola
Street Pianos a Parigi
Durante la mia recente visita a Parigi c'è stata la concomitanza di un evento interessante e che non sarebbe male portare anche in Italia, ovvero il tour degli "Street Pianos", dislocati in punti strategici della città e facilmente riconoscibili dai colori sgargianti e dalla scritta su ogni strumento che recita: "Play Me, I'm Yours". SI è svolta dal 22 giugno all'8 luglio. Di cosa si tratta in pratica? Tanti pianoforti verticali di varie epoche e marche (alcuni decisamente sulla soglia della rottamazione) sistemati quanto meglio possibile, dipinti appositamente da alcuni artisti e con l'aggiunta del logo della manifestazione, quindi sistemati in varie posizioni all'aperto e in alcune gallerie o stazioni della metro. Chiunque lo voglia si può fermare e suonare, per sè, per gli amici e per i passanti più o meno distratti. La location all'aperto in città come Parigi si sa, è un rischio, ma caso vuole che durante la mia visita la pioggia non si sia vista e per la manifestazione tutto è filato liscio. Non è stata felice a mio parere la scelta di mettere un pianoforte in Rue Des Lombards di fronte ad un bar dove suonavano musica dance ad alto volume, molto più azzeccato metterlo nella galleria commerciale del Louvre o di Les Halles. Personalmente non mi sono cimentato con gli strumenti sia perché passavo quasi sempre di fretta, ma anche perché erano sempre occupati, o non perfettamente accordati! l'idea di portare il pianoforte in strada però mi piace per l'allegria che porta e perché riesce a portare tra la gente uno strumento che più degli altri soffre nel rimanere relegato nei salotti o nelle sale da concerto. Certo un vecchio verticale non è proprio il massimo del piacere, soprattutto per il pianista, ma è meglio che niente. In Italia una iniziativa in qualche modo simile a questa è stata "Piano City", dvoe però erano più che altro i pianisti ad aprire la propria casa a chi volesse andare ad assistere a vari home-concerts itineranti, forse più ideale per generi di musica che vanno assaporati in silenzio (cosa che preferisco), ma non tanto per garantire una certo numero di spettatori. La rassegna c'è stata non tanto tempo fa, ma ho notato che è passata quasi inosservata, almeno dai grandi mezzi di comunicazione. Se non Milano o Roma, non credo che altre città, per dimensioni e spazi da offrire, possano aderire al progetto degli Street Pianos, comunque intanto pubblicizziamo la cosa anche qui in Italia e vediamo che succederà.
Il sito ufficiale è: http://www.streetpianos.com/
Categoria: PianoBlog
scritto da: nicola
Volevo fare un omaggio a Stevie Wonder con l'intenzione di creare una cover per solo piano che non fosse relativa a qualcuno dei suoi pezzi più noti del periodo classico degli anni 70, e la mia scelta è caduta sulla poco conosciuta "Moon Blue", che è poi tratta dal suo ultimo (al momento) disco di inediti,tra l'altro sorprendente per qualità compositiva e per l'esecuzione sia vocale che strumentale di Stevie, un disco altamente consigliato. Potrete trovarne varie versioni in rete, soprattutto in chiave jazz dato che ben si presta a questa veste, io invece ho voluto essere più lineare e fedele alla melodia ed armonia originale, eseguendolo al pianoforte digitale, ma con una probabile rivisitazione in futuro anche sullo strumento acustico.
Categoria: PianoBlog
scritto da: nicola

Riascoltando i miei appunti audio e le tante registrazioni lasciate nel "cassetto" ho ritrovato questo mio blues registrato il 14 aprile 2008, sul mio pianoforte acustico. Si tratta di un blues atipico, pur mantenendo le canoniche 12 misure, improvvisato nell'occasione di quelle sessioni di registrazione. Rientra sempre in quel contesto di brani da me realizzati in modo estemporaneo e mai più eseguiti dopo la registrazione, che comunque tra non molto raggrupperò tutti nella mia pagina "musica" del sito.

Categoria: Generale
scritto da: nicola

metodi per pianoforteCredo che abbiate già letto che ho scritto e continuo a scrivere brani pensati per la didattica pianistica, già presenti nella sezione spartiti, e ne approfitto per dire che molti altri a breve troveranno uno spazio apposito che ho intenzione di creare per colmare certi vuoti tuttora presenti nell'offerta per chi insegna, a conferma del fatto che la didattica, la costante ricerca di brani idonei a ciascun studente, e spesso la realizzazione esclusiva di brani appositamente per l'uno a l'altro allievo, sono parte del mio impegno quotidiano. Infatti, ben lungi dall'accontentarmi della seppur vasta possibilità  di scelta tra i testi a disposizione, sento sempre la mancanza di qualcosa, soprattutto di creare maggiori stimoli ed evitare di annoiare gli allievi con tappe che possono saltare, tenuto conto che la maggior parte di questi non aspirano di certo a diventare pianisti di stampo classico, insomma tutta una serie di libri e studi pesanti che possono forse affrontare in un secondo momento, una volta che avranno le idee più chiare. È certo che tutti passano varie fasi, possono anche rivelare un interesse per i temi classici ma ben presto verranno trainati dalle amicizie verso altri stili musicali, e io non ho di certo intenzione di censurare o sconsigliare questo o quel genere, ma cerco soprattutto di fornire gli strumenti più idonei per potersi poi destreggiare con il genere che interessa suonare. In realtà  non credo esista un solo libro adatto allo scopo, ma una moltitudine di testi o brani estrapolati qua e là  tali da poter fornire un ampio ventaglio e bagaglio di brani sia tecnici che divertenti, sia per i giovanissimi che per quelli meno giovani. Se per esempio nei metodi Bastien ho notato un eccessivo precorrere i tempi nell'affrontare gli accordi di tre note con la mano sinistra - questo anche nella versione per i pianisti adulti - ho trovato invece più proficuo il metodo francese Hervè et Pouillard, che però rimane di impostazione classica. un po' datato e troppo americano nei suoi contenuti musicali è invece il metodo J.Thompson, tradotto anche in italiano, che però ha qualche brano divertente soprattutto per i giovanissimi. Una collezione di brevi brani sempre molto indicata per chi inizia è sicuramente The Joy of the first Year piano, un best seller i cui brani quasi tutti coloro che sono alle prime armi hanno sempre suonato con piacere. Che dire dei "vecchi" metodi? Il tanto odiato Beyer da certi insegnanti vecchia scuola è ancora utilizzato come punto di partenza, ma come ho sempre detto a tutti quelli con cui ho avuto modo di discutere di didattica, il problema è che affronta la chiave di basso troppo avanti (addirittura all'esercizio 61!), le armonie sono ripetitive e i contenuti musicali di conseguenza piuttosto poveri, gli allievi non ne hanno mai un buon ricordo e lo trovano assai noioso. Ho invece sempre consigliato, e in parte usato, il suo antagonista Leber & Stark, molto più ricco di contenuti musicali gradevoli anche all'orecchio, che si può considerare sicuramente più completo di molti altri (e tra quelli da me citati sicuramente il più complesso). Tra l'altro è stato il metodo su cui iniziai gli studi, infatti intelligentemente il mio insegnante non usava il Beyer a differenza di tutti gli altri colleghi!

» Leggi tutto

Categoria: Pensieri
scritto da: nicola
salvataggio memoriaMi lascio andare a qualche riflessione sulla tecnologia e a quanto ha cambiato il modo in cui conserviamo gran parte dei nostri ricordi. Senza dubbio nel nostro tempo c'è stato un vertiginoso incremento del ricorso alla conservazione della "memoria" della nostra vita, in ogni aspetto, non soltanto nel recente e invadente "diario" di Facebook, ma grazie a tutti i messaggi che inviamo, riceviamo, così come con tutte le foto che scattiamo, i video che conserviamo, la musica i film e qualsivoglia contenuto che in maniera quasi compulsiva si è soliti scaricare dalla rete. Esponenzialmente così come la capacità dei supporti per memorizzare che a quanto pare raddoppia ogni cinque anni, ci circondiamo di una valanga di dati, anche poco importanti ma a cui ci affezioniamo, che sono anche terribilmente fragili, provare per credere! In particolare gli hard disk, che con molta disinvoltura eleggiamo a sicuri contenitori spesso destinati a conservare dati importanti come nostra unica copia, si dimostrano ancora inaffidabili, basta infatti un urto un po' più forte del dovuto, una distrazione, e tutto può andare irrimediabilmente perduto. Per non parlare dei supporti masterizzati, passati quasi di moda per via della scomodità, ma a conti fatti forse più sicuri di un hard disk,dato che resistono anche cadendo a terra, ma non danno garanzie particolari dopo una vita di dieci anni circa, tra l'altro anche se conservati al sicuro e mai sfiorati. In realtà, non sappiamo ancora bene questi supporti che vita reale possono avere, essendo relativamente nuovi, ma il problema più evidente è che molte cose che utilizziamo sono legate a standard di collegamento, che siano sata, usb, hdmi, tanto per fare un esempio, che rappresentano il presente ma che verosimilmente tra 10 o 20 anni saranno rimpiazzate da altri sistemi di connessione. Quindi la memoria che lasciamo per chi verrà dopo di noi non rischierà sicuramente di ingiallire dimenticata in un cassetto, ma forse, e questo è peggio, sarà resa inaccessibile dalla inesorabile avanzata tecnologica che impedisce dopo poco tempo di poter accedere ai supporti su cui memorizziamo tutti i ricordi.

» Leggi tutto

Categoria: ascolti
scritto da: nicola

Nikolai KapustinNell'ambito della musica per solo piano di carattere contemporaneo (per come io intendo il termine) non posso esimermi dallo scrivere a proposito del grande Nikolai Kapustin, musicista ucraino classe 1937, un pianista di solida formazione classica e innamorato del jazz, che nella sua musica scritta secondo canoni e forme classiche (Sonate, Suites, Studi) riesce a inserire stilemi e linguaggio tendenzialmente inusuali al fatto di essere scritti. In sostanza, Kapustin rende disponibile soprattutto ai pianisti di estrazione classica acerbi in tale linguaggio, possibilmente "virtuosi" per via della difficoltà delle sue composizioni, un repertorio di brani marcatamente jazzistici, che sono integralmente scritti in questo stile o contengono episodi che sembrebbero essere consuete parti improvvisate degli standard jazz, o vere e proprie libere improvvisazioni. Come anche la pagina biografica sull'autore sottolinea, Kapustin non si ritiene un vero improvvisatore ma nella sua scrittura cerca di affinare l'improvvisazione cercando di renderla al meglio, una sorta di improvvisazione pensata che forse toglie spontaneità e snatura il concetto proprio di improvvisazione. Ma in fondo questo discorso apre diversi interrogativi e riflessioni, perché è pur vero che gran parte del repertorio scritto altro non è che l'affinamento di quelle che in origine erano improvvisazioni, alcune grandi pagine del passato chiamate appunto "Improvvisi", ricordando quindi Schubert e Chopin, erano pagine create in modo più o meno estemporaneo e poi fissate su carta, resta poi da vedere se appunto questo avvenne con un'ottica il più possibile mirata alla perfezione stilistica o invece con l'intento di preservare l'intenzione iniziale  al momento della prima ispirazione. Il jazz nacque invece in quanto forma musicale non scritta, puramente supportata dalla nascente industria fonografica e discografica, è ovvio che poi con l'avanzare del tempo si sia arrivati a questi approcci in qualche modo contrastanti, ma è pur vero che come sempre, la musica scritta si preserva e viene perpetuata dagli esecutori, il mondo classico non ha grandi possibilità di esprimersi con questo linguaggio a lungo sottovalutato dalla tradizione europea, e quindi le pagine di autori come Kapustin ben vengano, anche se purtroppo ancora poco note ed eseguite. Personalmente, alcune sue pagine le apprezzo molto e sono state davvero una piacevole scoperta.
Come ascolto posso consigliare il bel cd di Marc-Andrè Hamelin "Nikolai Kapustin: Piano music", mentre su YouTube potrete trovare, almeno al momento in cui scrivo queste righe, un paio di composizioni eseguite direttamente dall'autore, e altre belle esecuzioni, come ad esempio questa "Toccatina op.40", una delle sue composizioni più note, eseguite da Shan-Shan Sun.

23/10/11: Nocturne 2, Faurè

Categoria: PianoBlog
scritto da: nicola

L'audio che potete ascoltare (cliccando sul play di questo player) è tratto da una vecchia registrazione del 1996 fatta su cassetta, realizzata al puro scopo di verificare l'efficacia di una mia esecuzione del secondo notturno di Gabriel Faurè che ho studiato a lungo nella prima metà di quell'anno e che dovevo eseguire in un concerto. Ero un po' restio a pubblicarla per via della qualità non in linea con le mie altre registrazioni, ho cercato di migliorare il suono il più possibile, e tutto sommato valutando quello che si può ascoltare su YouTube non penso che sfiguri così tanto, facciamo finta che sia ben più vecchia di quello che effettivamente è. A questo punto mi fa piacere comunque condividerla con gli amanti del genere, e al di là degli aspetti puramente sonori, sperando di avere reso giustizia a suo tempo al compositore francese nella mia esecuzione sicuramente non impeccabile (tra l'altro senza correzioni o tagli), si tratta di una pagina pianistica molto bella, poco frequentata e da riscoprire.