Strange Mood, una bella interpretazione


Non è la prima volta che mi capita di vedere un video relativo a qualcosa che ho trascritto, però il fatto di vedere un giovane talento da Tel Aviv che interpreta molto bene “Strange Mood” di Aziza Mustafa Zadeh, rispettando ogni singola nota  che ho trascritto nello spartito (che trovate qui), è un grande piacere. Intanto perché ci si sente importanti per questo ruolo di tramite tra autore ed esecutore, in un contesto assai diverso da una diffusione planetaria di uno spartito. Qui si tratta di trascrizione di brani poco noti, che pochi andranno a suonare, al punto che nel momento in cui si trascrive un pezzo come questo e lo si diffonde, in fondo è un po’ come se per una piccola parte ci si sentisse coinvolti nello stesso processo della sua composizione. Non è facile da spiegare, probabilmente pochi considerano l’importanza al giorno d’oggi di una partitura, dell’importanza che in taluni casi rivesta il fatto che possa essere trasmessa e perpetuata. Non è forse che gli autori stanno diventando un po’ troppo egoisti? Cari autori, non vi fa forse piacere vedere un giovane pianista che interpreta in modo appassionato la vostra musica? Ecco, imparate da questo video, e considerate l’idea di trasmettere la vostra musica ai posteri, prendetevi il tempo di condividere i vostri spartiti come succedeva tanto tempo fa, senza lasciare per forza l’arduo compito a dei tramiti (spesso poco valorizzati e mal pagati) come noi appassionati trascrittori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *